"Lucevan li occhi suoi più che la stella"

le vecchiette sul treno a dar di gomito
che si stava in peccato, noi
eravamo così nudi
da ignorarlo, da stupirci solo
del cielo,
del suo lento farsi vermiglio.


Scritto per l'EDS rosso come il peccato proposto da La Donna Camel

Partecipano:
- Melusina con Gloria mundi
- Gordon Comstock con Il peccato più grande 
- Fulvia con Biancaneve  
- Melusina con Red Velvet 
- Hombre con Present continuous
- Angela con Pensiero stupendo - trilogia
- Gabriele con Cave cave deus videt
- La Donna Camèl con Vedo rosso
- Melusina con L'amore ai tempi dei nonni
- Pendolante con La confessione
- Melusina con Mille papaveri rossi
- Gabriele con Pesci bianchi, pesci rossi
- Michela con Apple
- Pendolante con Generazioni
- Lillina con Iago
- Cielo con il pantone, altro che rosso

- Calikanto con Tabarin 
- Hombre con nove primi venerdì 
- Melusina con I salami della Beppina 
- La Donna Camèl con La casa rossa
- Leuconoe con Sogno di un pomeriggio di mezzo autunno 
- Il Pendolo con Il treno rivelatore

Commenti

  1. Ma che bella, Dario! Fanne mille e ancora mille come questa qua, altro che basta!

    RispondiElimina
  2. Bella, sì, dolce e crepuscolare.

    RispondiElimina
  3. Bellissima Dario. Mi ha ricordato Caproni.

    RispondiElimina
  4. @Donna Camel festività finite :-)e sono indietro con compiti e studio :-(
    @Melusina grazie :-)
    @Amica Effe ho evocato buoni ricordi allora :-)

    RispondiElimina
  5. Mi sto innamorando dei miei fine settimana in treno :-)

    RispondiElimina
  6. Il treno fugge, il giorno fugge, l'amore fugge... immagine fugace :-) bella.

    RispondiElimina
  7. Ogni tanto sarebbe necessario qualcosa di più solido :-)

    RispondiElimina

Posta un commento