Cerca nel blog

22/02/24

confessioni

Quello che ti porto non ha nulla di speciale 

non ho più tempo o voglia 

per i fuochi d'artificio 

per quelle piazze piene e desolate

per i castelli imposti mai costruiti 

mai voluti

per le roboanti ricette 

mai realizzate 

quello che ti porto ha la consistenza 

di una bolla di sapone 

dei suoi riflessi 

in una giornata di sole 

quello che ti porto è memoria che ridiventa presente 

in un bacio

19/02/24

Cosimo Impallomeni - Minnulata

Me matri u sapeva però ca iu non eru tintu e accussì macari se quacche vota ci passava na testa di darimi na sugghiata di coppa poi ciccava di trattinirisi e maccarizzava a testa e mi rava vasuni e mi riceva paruli duci ca iu ci stavu bonu e mi pigghiava tutti quelle cose belle che fanno bene ai cristiani. 

Un giorno ca ni stavumu facennu una passiata ci vinni vicinu a lapa do gelataru e idda maccattau una granita di mandorla e na brioscia che marricriai tutto. 

"Ti piaci?" mi spiau.

"Si o 'mà. Assai. E tu? Non ta pigghi?" ciarrispunnii.

"No. Non mi fa cori ora"  mi rissi taliannumi tutta contenta della mia cuntintizza.

Iu no puteva sapiri ca ciavunu finutu i soddi però minaccuggii ca quella matina non passau mancu a pigghiari u pani da iunnata e ni mangiamu a muddica do ionnu prima. Accussì mi vinni na testa cava fari qualche cosa e nvitai tutti lamici pa iunnata dopo ca era duminica e macari le loro matri che la strada era china china come al tempo della processione e tutti saddumannavunu chi succireva e me matri ca non sapeva nenti macari riceva "ma chi è tutta sta genti?" "ma chi volunu davanti a me casa" "chi succeri?" . 

Idda non sinnava accuggiutu ca iu ava nisciuto prestu e ca quannu fui sicuru ca non mancava nuddu alla festa mi prisintai cu du vacili chini di minnulata e quattru cesti chini chini di briosce ca u ciauro inchiu tutto il quartiere e tutti accuminciarunu  a manciari e nuddu spiau di unni niscevuno fora quelle meraviglie ca ognunu si sivveva senza fari confunsioni e senza acchiapparsi e tutti furono contenti. Me matri però u capiu ca ava statu iu e marririu senza farisi viriri dallautri.



16/02/24

13/02/24

Cosimo Impallomeni - Inferno e Paradiso

Ecco a sta cosa che io non ne portavo rancore non ci crirevunu assai molta gente che a causa di qualche muzzicuni di Ciccio e di qualche pirata ca mi scappau sempri chiù spissu di rari per difendermi o per divertimento tanti fimmini sinni ievunu di me matri a dirici ca iu eru tintu e che non cinneveva arucazioni. Lei ciarrispunneva ca eru nicu e si scusava ma poi qualche scuppuluni pimmia ci scappava che povera donna non lo sapeva comu ava fari cummia.

E comunque u tempu passava e iu addivintava sempri chiù ranni e rossu. Ciaveva oramai tri anni. Stava addivintanu vecchiu. Forse fu picchistu ca accuminciai a siddiarimi a stari a casa e macari iucari fora mi era venuto a noia. Accussì minni ieva sempri chiù lontano e vanedda dopo vanedda scoprivo il quartiere. Certo i cristiani che incontravo mi pigghiavunu ancora per picciriddu ma iu u sapeva ca non era accussì. U sapeva ca u me ciriveddu funzionanava megghiu da loru canigghia e che dove loro virevunu sulu così normali io invece ci trovavo raggioni e ingiustizia o sulu bisogno damuri. 

Me nero accorto di questa cosa di questa mia dote con quelli della religione ca un paru di voti mi capitau ca mi firmanu i monachi e i preti e i testimini di geova macari. Che sempre questa cosa succireva che prima quannu mi virevunu loro pinsavunu che io mi ero perso o che ero orfano o qualche autra minchiata e poi invece attaccavunu a farimi discussioni supra u pararisu e linferno e chistu si fa e chistu non si fa e iu invece ciarrinisceva sempri a cunfunnerli e a pigghiarli po culu che alla fine mi maledivano e minni facevuni iri che per loro ero il diavolo.

10/02/24

Cosimo Impallomeni - Nitto Calacausi

Ora che ciavevo compagnia a picca a picca me matri mi fici nesciri chiossai na strada e alli voti macari senza di idda. Fu accussì caccuminciai a canusciri autri carusiddi. A farimi amici e nemici. Pecchè certo tanti erano simpatici ma a qualcuno ciavissa scippato a testa. Il fatto è ca pinsavunu ca ero ancora troppu nicu quando invece arragiunavu megghiu di iddi. Ciccio era sempre vicino ammia e quando tornavamo a casa addiscurrevumu su quella che era stata la giornata. 

Mi ricordo una vota unu che lo chiamavano Nitto Calacausi picchì pisciuliava e cacava in continuazione che marrubbau una machinina che me laveva arrialata u nannu. Ciccio ciabbaiaiu tuttu u tempo pi farisilla turnari ma iu macari ca mi misi a chianciri non cià resi pi vinta a quella prepotenza.

A iunnata dopo appena u visti accalarisi tutto concentrato arreri a un muretto ciabbiai na bella zazzamita ne mutanni ca iddu nella confusione del momento non capiù chiù nenti e sarritirau a casa tuttu cacatu. Però du carusiddu da quel giorno non mi inquietau chiù e na vota ca eravamo a para iu non ci puttai chiù malanimo.

09/02/24

Cosimo Impallomeni - Domenica

Senza puppetta senza soddi e ca fami na panza niscemu quella prima duminica iu a mamma e Ciccio. Un giro alla Villa a taliari i papiri e il cigno e i cristiani tutti allicchittiati per la festa. 

Cera nsuli e nciauru ca furiava a testa e metteva festa.

Me matri sassittau in una panchina mentri iu assicutava i palummi e Ciccio mi curreva darreri. Ad averne ciavissa ratu qualche muddichedda a quelle per la compagnia ma maddivittevu u stissu ca iddi quando mavvicinavo avvulavano facennu una confusione come di un botto e poi mentri ancora taliava lultimi nalaria accuminciavunu a calari arreri e me spaddi comu a vulirimi sfidari. 

A Ciccio invece non ci interessavano tanto. Curreva. Scavava tannicchia di terra. Pisciava cuntentu e ciaurava u culu di qualche compagna però sempre tenendomi docchio che quando pensavo di averlo perso me lo ritrovavo sutta i peri.

Allimprovviso me matri mi chiamau a vuci di testa che ero lontano: 

"Cosimo Cosimo veni ca! Spicciati!"

Cerano vicino a lei tri fimmini che io non le conoscevo e mancu idda mi passi. 

"Cosimo veni ca! Queste signore mi rissunu ca ti vistunu iucari co cani e tarricunuscenu. Macchiffà u rubasti? Cosimo veni ca. Rimmi a verità"

"Mano o ma' era davanti a porta da casa. Tu rissi. Ta cuntai a storia" Ciarrispunnii na me testa che le parole non erano chiare ma idda mi sapeva capiri.

"Va bene. Va bene. Visto signore ca me figghiu u truvau?"

"Ma no signora non era questa cosa..." e una delle tre chidda chiù anziana ci fici un sorriso parrannu come di chi non si è fatta capire "... non è questo. È che lo abbiamo visto giocare e abbiamo pensato... abbiamo ricordato... certo, ci era stato detto..."

"Ecco questo è per lei, se non si offende" proseguì a minzana che mi passi che ciaveva una funcia come a quella delle scimmie che avevo visto nel cartellone del circo mentri ci rava una busta china di vistiti nelle mani a me o ma'.

"Sì infatti - continuò la terza ca era chiu niura do carvuni - noi abbiamo pensato che... " ma non finiu le parole che nelle mani ci visti che ciaveva un bastone di zuccuru filato e idda sinaccurgiu di quella mia taliata e mu piazzau davanti a ucca prima di darammillu ne manu. 

"Noi ora dobbiamo andare"  riprese la prima "però la prego accetti questi da parte nostra" ci rissi a me matri mettendoci nelle mani una banconota appena nisciuta da banca. 

Giuru carristamu amminchiunuti ca mancu naccurgemu che quelle erano come erano arrivate accussì sparenu. Però con un arancinu ne manu e una gazzusa na ucca il ricordo ci venne bello chiaro e quella domenica ci passi veramente comu u ionnu do signuri.

08/02/24

Cosimo Impallomeni - Ciccio

A du anni già caminava e curreva quasi e niscevu tuttu cuntentu fora do pisolu da porta fino alla strada. 

U truvai accussì a Ciccio. U mè cani. Stava arreri a una machina posteggiata di facci a me casa e taliava a genti passari. E però chiddi parevunu non accorgersi di lui e iddu macari non ci dava confidenza a dì cristiani.

Era nicu  nicu e tuttu niuru comu a lava quannu si vagna e cu na facci longa e du aricchi ca pinnevunu come a gioielli. Aveva macari una cura ca sattorciniava tutta come a un punto interrogativo o stava ritta comu a una freccia dellindiani. Ciccio non lo sapeva ancora di chiamarisi Ciccio però quannu u pigghiai ne me manu non si ribellò anzi accuminciau a liccarimi comu su fussi un gelato. 

A mamma non era molto contenta di questa mia nuova amicizia quannu u visti. Però poi pinsau ca macari puteva essiri ca Ciccio mi faceva cumpagnia e che lei mi puteva lassari cu iddu mentri sinni ieva a travagghiari. E accussì fu infatti. Già il giorno dopo priparau u mangiari pimmia e pi iddu. Addumau i luci. Chiuriu a porta a chiavi e sinni iu tutta preoccupata ma china di fiducia. Ci aveva fatto un discorsetto a tutti rui prima di nesciri ed era sicura che lavevamo capito.

U primu ionnu rumpemu una seggia e due bomboniere di ricordo di un matrimonio e di una cresima. U secunnu scusemu tutta la coperta ca stava supra u divanu  e il terzo ni mangiamu tutti i puppetta ca me matri ava pripatatu per la domenica. Insomma era un divertimento continuo che io inseguivo a lui e lui inseguiva ammia e poi naddumiscevunu e poi iucavumu di novu e iu accuminciai macari ad abbaiari quannu sarritirava me o ma e secunnu mia Ciccio macari ci provava a parrari cu idda comu ammia però lei non lo capiva.  

Powered by Blogger.