"L'occhio del coniglio" di LaDonnaCamel


Basta. È arrivato il momento di mandarlo per la sua strada e di ritornare libera. Libera di scrivere altro. Libera di giocare. Libera di fare a modo mio. Mi rendo conto che mancano dei passaggi di causa-effetto tra le premesse (le frasi citate) e le mie conclusioni: pazienza. Chi mi conosce sa che l'ellissi è la mia.

Dalla prossima domenica - che è anche la befana e mi si addice, ogni domenica pubblicherò un capitolo del romanzo che si intitola L'occhio del coniglio. Sono trentadue in tutto, andremo avanti fino all'estate: deciderlo oggi è più casuale che significativo. Sarà di domenica perché è una cosa da dilettante e non da professionista, sarà gratuito e libero. Liberato, per la precisione.
Poi vediamo.




Commenti

  1. Dario, Lei è un vero signore.

    RispondiElimina
  2. Ma dai! Grazie :* E che bella foto!

    RispondiElimina
  3. MM hai saputo dei miei cinquant'anni? :-)

    Bia come non farlo? Contento ti sia piaciuta la foto :-)

    RispondiElimina

Posta un commento