[Alfredo] ozio


Per le piccole pause di ozio Alfredo si affida alla sua poltrona. E' un rituale ben preciso: niente scarpe, vestiti comodi, occhi chiusi.
Alfredo si assenta e lascia che affiorino le sensazioni della giornata.
Può essere il piccolo dolore al ginocchio che lo tormenta da mesi o le note del fisarmonicista udite nella passeggiata mattutina. A volte sono i brontolii di una colazione mal digerita o un formicolio che si affaccia malinconico al basso ventre.
Mancano sempre i pensieri più profondi in questo suo riordinare. Egli li ricaccia via ogni volta che essi tentano di presentarsi e per farlo parla spesso loro con dolcezza: “Questo è il momento delle sensazioni, lo sapete, inutile che veniate qui a bussare, ci sarà tempo per voi, ce n’è sempre stato”, ma capita, a volte, che quelli non vogliano proprio ascoltarlo. E' allora che Alfredo, con atto d’imperio, inizia a dormire.  

Fonte immagine: “For a life of leisure” by Donald Lee Pardue is licensed under CC BY 2.0

Commenti