zebre e savane

io a quella voce che mi urla nella testa a quella voce che azzanna che ordina io a quella voce non ci ho mai creduto e neanche le prime volte che tappavo le orecchie e chiudevo gli occhi e la mia bocca si serrava e lei mi diceva mi sussurrava io non ci ho mai creduto e cercavo di farla capire questa cosa a quelli e ripetevo e ripetevo ma loro i bianchi i medici i dottori che mi guardano i dottori che mi strappano il vestito nuovo della festa che mi tirano le braccia i dottori che mi uccidono i dottori non mi vogliono credere non mi vogliono credere i dottori e mi spogliano e mi tolgono tutto e le mani le mani mi toccano tra le gambe le mani le loro mani nella mia faccia sopra il mio seno le mani e poi il sangue il sangue che cola tra le gambe che scende che macchia il vestito nero il vestito della festa il sangue e ora la voce è la mia voce che urla che piange e qualcuno poi mi manda nella stanza della luce e tante volte tante volte ancora che tutto passerà dicevano tutto passerà e non ci sarà più nessuna voce e tornerai a casa e potrai bere la tua cioccolata che a me è sempre piaciuta la cioccolata che a me è sempre piaciuta e io lo ricordo ancora che avevo la mia tazza con Pluto che addenta un osso nella mia tazza solo che i colori erano tutti sbagliati tutti capovolti e Pluto era viola nella tazza che quella invece rimaneva bianca tutta bianca e avevo la mia mamma anche e la mia mamma diceva brava brava e rideva che a me è sempre piaciuta la cioccolata e la voce ancora non c'era e mamma rideva e poi piangeva piangeva tanto mamma che io non lo sapevo mica perchè piangesse ma poi lo ha fatto di nuovo che la casa bruciava e io ero dentro e poi anche lei bruciava e io avevo quei fiammiferi nelle mani quei fiammiferi e la faccia tutta nera e gli occhi e le mani nere e il vestito della festa anche che poi non l'ho più vista e la voce allora è arrivata e prima però mi hanno portato qui prima mi hanno legata stretta mi hanno legata e io piangevo anche io piangevo come la mamma come la casa che bruciava.
io a quella voce che mi urla nella testa io a quella voce non ci ho mai creduto anche se lei mi mostra le cose e mi dice guarda hanno lasciato qui quella forchetta prendila prendila guarda nascondila e io non l'aveva presa però avevo resistito che era stata la voce era stata lei che lei mi odia e lo sa che poi se la trovano c'è la camera c'è la camera se la trovano e io la volevo consegnare  la volevo solo consegnare ma nella stanza invece nella stanza attorno c'era solo sangue e quelli mi hanno trovato così che il dottore ha detto che se lo aspettava e la voce urlava uccidili uccidilo ma io ero legata ero legata e non sono stata non sono stata io non.
io a quella voce che mi urla nella testa io a quella voce non ci ho mai creduto non ci ho creduto a quella voce.

Il testo partecipa all'EDS Nero di Natale by La Donna Camèl. con:

http://lalineadhombre.blogspot.it
http://callmeleuconoe.wordpress.com
http://melusina.altervista.org
http://pendolante.wordpress.com
http://kermitilrospo.blogspot.it
http://milanocongliocchiali.blogspot.it
http://oraequilillina.blogspot.it
http://calikanto.blogspot.it
http://blog.libero.it/LaDonnaCamel

Commenti

  1. @melusina angosciante era quello che cercavo

    @la donna camel molto malamente

    RispondiElimina
  2. c'è questa cosa questa voce che contagia ti entra in testa questa voce e non la cacci via se non spegni quella voce ti tartassa ti entra dentro trapanando e trivellando quella voce ti contamina e non ti lascia dormire e come chiudi gli occhi riprende a urlare quella voce che però glielo dico a quella voce che non la sento non l'ascolto più hai voglia a urlare voce

    RispondiElimina
  3. Questo racconto, questa poesia questa canzone, mi emoziona.

    RispondiElimina
  4. Più nero del nero. Un cappio di angoscia, Dario.

    RispondiElimina
  5. Un fiume nero, un gorgo trascinante che fa paura... brrr

    RispondiElimina
  6. L'ha detto Melusina, ANGOSCIANTE e ti strascina dentro

    RispondiElimina
  7. le voci sono sempre un ottimo alibi! :D

    RispondiElimina
  8. @Hombre bellissimo :-)

    @Fulvia contento, mi rende felice questo tuo seguirmi

    @Pendolante bene :-)

    @Cali Kanto mi piace il "fiume nero"

    @lillina inizio a pensare di esserci un po' riuscito :-)

    @kermitilrospo le voci ci sono sempre :-)

    RispondiElimina
  9. io a quelle voci che mi urlano nella testa non ci credo quasi mai... ;-)

    RispondiElimina
  10. hai reso così bene l'ossessione ...
    bello

    RispondiElimina
  11. @ singlemama il quasi mi tranquillizza :-)
    @ angela pierri grazie :-)

    RispondiElimina

Posta un commento