363



"Insomma Totò chi chianci a fari?"
"Iu? Chianciu? Sarà chi viri!"
"Ma su ti visti iu! E' inutile ca fai u masculu! Non è a prima vota.  Chi è... no sai ca su tutti così finti?"
"Va bene lo ammetto. Hai raggiuni"
"E allura?"
"Allura cosa? Certo che u sacciu ma è chiù forti di mia. Sì insomma sarà a vicchiania però e accussì"
"Accussì comu?"
"Ca chianciu chiossai. Ca chianciu sempri e sulu per le cose finte che la verità forse ciò fatto troppo il callo ormai e non mi commuove"
"Eh! Però accussi non è bonu..."
"U sacciu. U sacciu. Ma chi ci pozzu fari? U viri du cristianu? U fanu cantari senza razza e mi cuntunu la storia. Che è stato adottato. Ca no so paisi cè la guerra. Che gli altri sono buoni. Chè cè speranza. E iu u sacciu che ogni cosa lhanno fatta in modo che io mi commuovo. E allora ti chiedo e mi chiedo... perchè sprecarlo tutto quel lavoro? Iu chianciu e chiancennu i mannu affanculu"
"Ah è accussì!"
"Ca certo! Viri... su un picciriddu casca na strada iu non chianciu. Cerco di aiutarlo. U cunottu. Minni futtu di tutto e tutti fino a quando non arriri di novu. Chistu fazzu e poi cè unaltra cosa..."
"Cosa?"
"Ca nommuttai iu"
"Insomma sì ma non ti capii bonu ancora..."
"E' semplice. U facevanu macari lantichi u sai?"
"Cui?"
"Lantichi. I greci"
"Chi facevunu?"
"Che ogni tanto alle loro feste vineva unu con gli strumenti e sunava e cuntava cosi tristi e loro si lamentavano delle disgrazie del mondo e chiancevano ma poi su cera di tagghiari testi non si facevano priari. E macari quanto giravano i cantastorie nelle nostre chiazze era lo stesso se ci pensi. Che la gente chianceva per la baronessa e per Giuliano. E u stissu ti ricu. Sulu ca ura si chianci chiossai che ci sono i telegionali e le trasmissioni"
"E la verità?"
"Ma quali virità? U ricisti macari tu ca tuttu è finto..."
"Va bene insomma picchissu chianci?"
"No. Pecchè mi commuovo"