Post

Paoletta

"Marrizzettu! Marrizzettu"
A vuci di Paoletta si sentiva fino al mio piano. Pareva una marmitta attruccata che uno difficile avissi pinsato alla fimmina che cera dietro. Iu però u sapeva. A visti crisciri. Era una truttulidda.
Suo padre era unottima persona. Travagghiaturi. Mossi che stava turnannu a casa sopra alla vespa prima di cascari e  un camion ci passau di supra che non lo visti. Sua madre pigghiau u so postu nella fabbrica e ce la fici lo stesso a crescere a lei e al fratello ma poi però accuminciano altri vai che a quello su puttano al collegio visto che spacciava davanti alla scola e quella addivintau troppu bedda per non attirare vespe muscuni e suggi di tutte letà e di tutti i generi.
Paoletta pareva non capirla questa cosa. Come a tutti quelli che il loro talento è un rialo del cielo e non celhanno la coscienza della fatica. Dellimpegno. Lei continuava a crisciri come a un ciuri di campo e sua madre non poteva starici dietro sempre che lei ciaveva il suo torme…

Butterfly

silenzi

Agnosia

sognando

Charlas

[Alfredo] a portata di mano

memento

[Alfredo] condividere

[Alfredo] assenze

che poi

[Alfredo] isole

[Alfredo] Romani