respirare

Chittaia diri?
Ca si ciauru di pani,
di tavula cunsata a festa?
Ca si meravigghia di passulina,
scoccia daranci zuccarata?
Chittaia fari?
No sai chi facissuru sta ucca,
sti iammi ne to iammi, 
i manu ca ti cercunu assitati? 
Sugnu ciatu ca sattacca na specchiera,
signami ancora cu li to ita.

2 commenti:

  1. Buongiorno, arrivo qui attraverso il blog di Giuliano, e scrivo per dirle che non comprendo il catanese, ma pur tradotte, trovo molto belle le se poesie, e poi, che già mi sono affezionata ad Alfredo. È un personaggio consistente, credibile, già esiste nella mia fantasia. Continui se possibile. Buona giornata 👋🏼

    RispondiElimina
  2. Grazie :) Alfredo ogni tanto viene a trovarmi e io son contento di ascoltarlo

    RispondiElimina