5 Gennaio, Pippo e Peppino

Un ritratto di Pippo Fava di Luigi Politano


Un ritratto di Pippo Fava
Chissà cosa stava pensando Pippo Fava quando l'hanno ammazzato, la notte del 5 gennaio di 28 anni fa. Forse, andando a teatro dalla sua nipotina, pensava alle strade di Catania che lui viveva ogni giorno, ai vicoli della città etnea e ai palazzi signorili di chi ha voluto la sua morte. Magari stava proprio prendendo in giro uno dei tanti pupi in mano a Santapaola. Storie di tutti i giorni nella terra che ha fatto di tutto per dimenticarlo, ma che lascia in ogni dove qualcosa che Pippo Fava ha raccontato in una vita intera. [continua a leggere]


In memoria di Peppino di Daniele Biacchessi

Ha braccia forti e un corpo allungato, come il suo volto.
Capelli mai pettinati, e baffi, e barba.
E uno sguardo che osserva lontano.
Al di là delle persone e dei fatti, al di là della sua stessa terra.
E' uomo curioso, Giuseppe Impastato, Peppino.
A Cinisi c'è nato e cresciuto.
5 gennaio 1948.
Il padre, Luigi Impastato, è un commerciante, amico di mafiosi.
Lo zio, Cesare Manzella, è un capomafia ucciso nel 1963 nel corso di una guerra tra clan.
E' giovane Peppino.
Lui ha fatto un giuramento.
"Così, come mio padre, non ci diventerò mai".
Rompe con il padre Luigi e avvia un'attività politica di contrasto a Cosa Nostra.
Fonda il circolo "Musica e Cultura".
Cineforum, concerti e soprattutto dibattiti.
Molti dicono che è matto, ma altri giovani del paese si uniscono a lui.
Siamo nel 1976 [continua a leggere].

Fonti: Cado in Piedi ; Articolo 21

Commenti