Martin Eden

A occhi chiusi
sui frattali del tempo,
sui colori saturi
dell'anima.

Non sentiva più le Sirene
gracchiare il suo nome
da vecchi altoparlanti sottratti
alla prossima guerra.

Lentamente ricominciava
a sognare
le piccole cose, l’amore
delle pietre.

Sembrava ancora respirare.

Commenti