[testimonianze] Garibaldi

Dalla piazza del paese Garibaldi scrutava il mondo.  Achille aveva tentato tante volte di seguirne lo sguardo, ma si era sempre dovuto fermare alle finestre illuminate dei grandi magazzini che più in là, lui (così in basso sul selciato della piazza) non andava, però erano buoni amici e Achille andava sempre a chiedergli un consiglio o a parlare con lui delle ultime novità.
“Senti – una volta quello gli aveva detto – ma tu… tu, hai mai pensato di ripartire? Non ne hai avuto abbastanza a stare qui? Lo so che a te piaceva viaggiare e la gente e le donne. Ma ora? È passato così tanto tempo! Perché ti ostini a rimanere qui?”
Giuseppe non aveva risposto, mani sull’elsa e uno strano cappello in testa, aveva continuato a guardare la campagna fin dove poteva. Lo spazio davanti a lui era sempre più occupato da costruzioni di cui non capiva il senso, la necessità. E poi, continuava a sentirsi stanco.

Commenti