Giuseppe Russomanno

Giuseppe Russomanno vinni a stari nella casa che fu dei suoi genitori una para di misi fa. Sinnera iutu nel continente che era ancora un carusiddu e poi non lavevamo chiù visto.
Certo suo padre e sua madre ci cuntavano a noi le novità. E la laurea e il travagghio e la niputedda bedda comu u suli. Ma della sua faccia serano perse le tracce ca mancu fotografie mannava che sono sicuro che allora prima o poi qualcuna fussi nisciuta fora dal portafogghiu o dalla borsetta dei suoi vecchi.
Sarritirau che loro purazzi finenu sutta a una machina. Una brutta storia che a quello che a quello che li ha investiti no vulevunu pigghiari. Era unu ca cuntava e ciaveva i so santi ma alla fine si prisintau iddu stissu dai carabbineri che forse lavvocati ciavevano fattu intendere cosi boni.
Giuseppe era già arrivato. Era scinnutu subito quannu ciavevano dato la notizia e forse per questo era solo.
Cera stata linchiesta e la sepoltura senza mancu il funerale e io lavevo solo intravisto che quello era sempre in movimento. Poi però non era partito più. Sinni stava chiuso in casa e con la cosa che abitava supra ammia io lo sentivo quantu sarrusbigghiava o cangiava stanza. Per il resto però era comu su campassi daria. Manco nisceva paccattari tannicchia di pani.
Ieri non ce la feci più a resistere e ciacchianai per chiedere se aveva bisogno e poi non ci avevo fatto ancora nemmeno le condoglianze e ci tenevo. Allinizio lui mancu marrispunneva poi però che io sono insistente su vogghiu mi rapiu la porta.
"Ciao. Che cè?"
"Nenti Pippuzzu. Vuleva sapiri comu stai. Su ti sevvi nenti... e poi ti volevo fare le mie condoglianze"
"Grazie. E comu staiu u viri. Bonu"
Ammia non mi pareva accussì. Ciaveva la vavva di uno disperato e una maglietta tutta lodda con un paru di pantaloncini ca parevunu mutanni cacati. Eppoi era siccu. Di sicuru avissa avvulatu con un ciusciuni.
"Insomma Pippuzzu su voi u sai ca ci semu. Chiddi do paluzzu ricu. Vuoi che ti compro qualcosa? Voi veniri a me casa ca mi fai cumpagnia? Oppure acchianu iu suvvoi ca ciaiu una buttigghia di vinu bonu..."
"Senti io non voglio niente. Ti ringrazio ma ora ti saluto che voglio dormire"
Chiuriu tutto serio la porta e ammia marristau sulu a coscienza davirici tintatu e na buttigglia. Pi passari a sirata.

Commenti