"aimer c'est donner ce qu'on n'a pas"



poi ci salutiamo e 
gli occhi sono altri occhi,
i gesti si fanno goffi, anche 
la lingua tace.

Solo le dita disubbidiscono ancora 
un attimo,
a sfiorarsi l'anima.

Commenti

Posta un commento