39 minuti senza traffico

Tutto va bene, tutto continua:
il pedaggio, la coda, il brutto incidente,
la gente
all’autogrill a pisciare, che, sai,
c’è ancora quel tale alla cassa e poi, lo confesso,
il caffè qui non è così male, tra corridoi 
di dolci, biscotti, cinesi vocianti e vecchi
in malinconici tour sorpresi
a cercare l’uscita. “Sparita!”
dice ancora una volta uno di loro.
E io sorrido, l’aiuto, e poi sento
la tua mano fuggire
in questo presente sempre più lontano,
in questo indefinito morire.
   
Tutto va bene, tutto continua.
E ancora le monete all’uscita,
i paesaggi,
le vite, le magnifiche vite, gli amanti,
le strade,  i miraggi
di ricchezza nascosti da vecchie vetrine
chiuse,  c’è la crisi,
si fatica a ripartire
senza te,
senza soffrire.

Commenti

  1. una poesia che racconta l'amarezza di una vita parallela, quella che siamo costretti a vivere e non ci appartiene.
    Mi piace molto il testo

    ...e poi sento la tua mano fuggire
    in questo presente sempre più lontano,
    in questo indefinito morire

    Complimenti!
    Un caro saluto
    Francesco

    RispondiElimina
  2. Grazie Francesco, sono contento che tu abbia sottolineato quel passaggio :-)

    RispondiElimina
  3. è nelle mie corde..(e, lo so, non è una novità :)
    ..e condivido anch'io quella sottolineatura

    RispondiElimina

Posta un commento