La Sciancata

Appresso alla casa del pisciaro cera un cuttigghiu nicu. Tre case che a fare sforzi arrivavano a avere quattro stanze decenti dei tempi nostri senza cuntari il cesso che era fora misu allingresso del cortile. Io non ci ieva quasi mai da quelle parti ma a voti capitava pecchè lì ci stava a Sciancata. Chidda ca vinneva lova frischi.
Lei era vitua da sempre e per campare visto che il marito non celava lasciata la pensione sera misa a casa i iaddini che poi vinneva lova o i iaddi o i puddicina a tempo di pasqua. A Sciancata non era proprio na biddizza. Era invecchiata presto con le sue disgrazie epperò tineva ancora una risata ca pareva una picciridda. Ammizzigghiata e timida come a una verginella a caccia di marito.
Vicino a idda ci stava una famigghia di Belpasso che erano tre persone e u masculu ranni da casa vinneva cassetti a fera che qualcuna la trovavi sempre davanti alla porta e io certe volte mi ciassittava tuttu cuntentu. Poi nella terza invece cera una vecchia ca non nisceva mai e che non lho mai vista macari ca tutti ricevanu ca esisteva e che era tinta.
Io alla sciancata ci stavo simpatico che sarà stato perchè ero nicu oppure che lei non nava avuto a futtuna di aviri figghi. Fattostà che un uovo me loffriva sempre e ci faceva macari u puttusu ca spinnula che così io me lo potevo sugare beddu cauru prima di irimminni pi tunnari a casa.
Ora non ce chiù nenti dà. Diciunu che ci devono fare un residense.
In fondo a mia non mi dispiace ca spariu tuttu. Che certi ricordi unu sillavissi ammucciari na testa di nicunicu pecchè poi non ciannu chiu sensu a virirli cangiati.
Che certe cose arrestunu vivi sulu a cuntarli.

Commenti