train



L'oscillare vacuo delle anime
obbliga i viaggiatori all'oblio:
c'è ancora tempo. Poi
la pioggia di baci
senza nome
o il rapido infittirsi delle disperate
attese.
Ancora soste
fino all'onesta banchina.

Commenti