Natale

Si festeggiava e io ero ancora un carusazzo ca nisceva con lamici e se capitava non lo rifiutava quacche bicchiere di zibibbo di quello buono. Fu accussì che mi capitò questa avventura e anche se i ricordi sono tannicchia confusi quaccosa ancora arristau in questa testa.

"Talia!"
"A cui?"
"Là. No viri vicinu o cassunettu?"
"Aspetta... Sì. E' vero!"
"Ma è vivo!"
"E certo! Su si movi morto non può essere"
"Pigghiamulu"
"E unni u puttamu?"
"Pigghiamulu!"
"E su ci veni fami?"
"Su ci veni a fami ci putemu accattari du belli masculini"
"Cetto. E tu ci metti macari il peperoncino! Si proprio scemo!"
"Ma pecchè? Che ho detto?"
"Ah... ma sicunnu tia a un picciriddo unu ci runa i masculini?"
"Su boni"
"Pittia forse. Latte! Ci vuole latte!"
"E unni u pigghiamo u latti cà a piscaria?"
"No sacciu! Aspetta. Tenilu. Cerco a Puddu. Macari a stura già tunnau a casa."
"Se... iu non ciafazzo a tenerlo."
"Ma su dommi!"
"E se scappa?"
"Si propriu scemu!"
"Senti..."
"Dimmi..."
"E se lo rimettiamo dove labbiamo trovato?"
"Cetto. Accussì su mangianu i cani."
"Ma è Natale"
"Picchì a natale i cani noncinnannu fami?"
"Senti..."
"Dimmi..."
"Ciò unidea..."
"Mummaginu..."
"Sopra a dove labbiamo trovato cera una luce accesa. Se lo lasciamo dietro la porta di quella famigghia?"
"Sarà chi viristi!"
"Iu a visti a luci!"
"Tu si scemu! Tu rissi!"
"Aspetta. Mettiamolo un secondo cà. Supra al muretto. E poi cerchiamo a Puddu."
"Va bene! Tanto è qua vicino. Però facemu presto!"

-----------------------------------------------------------------

"Ma unni finiu?"
"Tu rissi ca cerano i cani!"
"E stu latti? Chinnifacemu?"
"Nu vivemu no?"
"Bonu! E bellu friscu... quasiquasi è megghiu del vino!"
"Se... Amuninni va..."
"Va bene. Va bene. Aspetta!"

Fonte immagine: http://lubna.altervista.org

Commenti