AJU DITTU SEMPRI di Dina Basso

AJU DITTU SEMPRI

Aju dittu sempri
ca cani nun ni vogghiu,
picchì poi attocca
nun sulu darici a mangiari
ma suprattuttu nesciri
co' caudu o cà nivi
ppi purtalli a sfantasiari:
ma uora
macari senza cani m’arritrovu
di notti
e di capumatina,
a purtari ’ntè strati u desidderiu
di vidiriti,
a fallu nesciri
ca dintra a casa ’mpazziscia,
e u fazzu pisciari
a ogni cantunera,
spirannu ca poi, tu
passannu di ddà,
u senti u fetu di mia
e continui sciarannu l’aria
a ma stissa
prucissioni.


Ho detto sempre / che cani non ne voglio, / perché poi tocca / non solo dargli da mangiare / ma soprattutto uscire / col caldo o con la neve / per portarli a svagare: / ma ora / pure senza cani mi ritrovo / di notte / e di mattina presto, / a portare nelle strade il desiderio / di vederti, / a farlo uscire / che dentro casa impazzisce, / e lo faccio pisciare / ad ogni angolo, / sperando che poi, tu / passando di lì, / la senti la puzza di me / e continui annusando l’aria / la mia stessa / processione. 

Da La generazione entrante, poeti nati negli anni Ottanta, a cura di Matteo Fantuzzi, Giuliano Ladolfi Editore, 2011

Fonte:  Poesie senza pari 

Commenti