[Alfredo] fogli


Sui giornali le notizie di una prossima guerra mondiale si mischiano a quelle sui pettegolezzi, sulle scaramucce da piccolo cortile. Chissà se è sempre stato così, nelle altre guerre, al loro iniziare.
Alfredo è diviso tra la voglia di godersi in pace questi giorni di luce, questa piena primavera e quella di discutere, di approfondire. Forse è proprio questo a renderlo così nervoso, così incapace di fare, di muoversi. Forse è proprio per questo che decide di fare ordine in casa. Accade sempre in tali frangenti. Alfredo crede che fare ordine in casa quando si è in difficoltà sia essenziale. Un puro atto spirituale.
Da un cassetto escono fuori delle vecchie foto, probabilmente sono lì dal trasloco.
Alfredo sfoglia i piccoli libretti dalla plastica  ingiallita, “il passato è passato” pensa e un po’ si auto assolve dai disastri che sente intorno.
In uno di quei libretti tra due foto sente, sotto il tatto, un bozzo. E’ un pezzo di carta. Alfredo lo estrae con curiosità. Un vecchio foglio di quaderno piegato con precisione. Da un lato equazioni di algebra, dall'altro solo una frase “Presto occuperemo il paradiso”.    

Fonte immagine: “Model of the Hiroshima bombing” by Maarten Heerlien is licensed under CC BY 2.0

Commenti