Tanuzzo e Ciccio

Tanuzzo e Ciccio sunu frati.
Si sbagghiunu di un anno che il primo nasciu pamuri quando Margherita la madre era ancora una picciridda e il secondo per sbaglio lannu dopu che quella già ava accuminciato a travagghiari.
Eppure non criscienu stotti le creature. La nonna fici in modo di non farli luvari a so figghia. "I tegnu iu" ci rissi alle vaddie quando bussarono a so casa e però in realtà non successe mai che la purazza non la superò mai quella vergogna.
Si informava con i vicini. Quacchi vota taliava i picciriddi ammucciata arreri a un muretto quando scinnevunu per giocare nel giardino o i primi anni che andarano a scola. Una vota sola non cià fici a fari finta di nenti che fu quando Ciccio si tagghiau cascannu mentri iucava o palluni e il sangue ci nisceva a vina dalla coscia.
Iddu chianceva e Tanuzzu non sapeva chiffari. La nonna savvicinau e prima u cunuttau e poi pigghiau a pulizziarici a iamma e dalla borsetta spuntau tre bustine di zuccuro. Lei una ce la mise sopra alla ferita ad asciugare che dopo una para di minuti il sangue accuminciau a stagnari e le altre una a testa ai carusi per farli sorridere.Quando li vide tranquilli li accompagnò a casa. Senza aspettare però che spariu prima. Margherita ci misi tannicchia a rapiri che il cliente era difficile ma poi si fici cuntari tutto e chianciu tannicchia mentri su faceva cuntari di novu.
Ora su morti. La vecchia di polmonite e la giovane di addiesse. Loro invececampano tranquilli nella stessa casa arreri al mio palazzo. Li dentro non cè entrata mai una fimmina da quando cè morta la madre. La casa però è ordinatissima che loro hanno sempre fatto tutto e Margherita ci ha lasciato anche beddi soddi alla posta. Ciu rissi mentre era o spitali gli ultimi giorni.
"Arreri alla crirenza c'è un libretto. Mi raccumannu".
Poi chiuriu locchi e non li rapiu chiù. 
   

Commenti