Ephphetha, quod est aperire

La casa è deserta.
Nel giardino,
sotto fragili aghi mielati,
raccolgo resina sulle dita.
Sacerdote di me stesso,
sigillo il dolore.

Commenti