Cento di questi giorni (6 di 98+2)

Mi scusi maresciallo ma lei comè ca vinni di mia? Ciù cuntanu vero? Ci rissunu ca eravamo ziti di nichi! E certo! Tutti sanno i fatti dillautri in questo quartiere. Ma io non ce ne ho di cose dammucciari. Io sono stata sempre onesta. Macari a me maritu ce la cuntai questa storia. Macari a  iddu che non se la meritava di sicuro tutta questa onestà. Cheppoi chiccè di cuntari?
Io ciavevo quattordici anni. Uno chiossai di di Ciccio. E u sapi comè a quell'età ma lunica cosa ca successi fu ca nabbuzzamu tannicchia. Sì insomma ca ni vasamu.
Per noi era la prima volta o almeno accussì sapevo di mia e pinsai di iddu.
Fu nel cortile della scuola che cera la ricreazione. Mia madre non mi faceva nesciri mai di casa sula e allora non ce ne erano altre di occasioni. Io ce lavevo detto alla mia amica Letizia che Ciccio mi voleva zita e che io ci avevo detto di sì e allora quella organizzò questa cosa che tutte le fimmine della classe si misero in cerchio attorno a noi. Io allinizio pensavo che era uno scherzo e mi stava incazzannu e invece Letizia si avvicinò a me e mi disse nellorecchio:" Vasalu! Vasalu presto che non ce ne è assai di tempo". E accussì fu.
La pigghiai io liniziativa cheCiccio pareva addumisciutu allinizio. Solo che dopo invece non si vuleva chiù staccari e le mani erano già arrivate dove non dovevano essere.
Ricordo che quando le mie compagne tornarono a giocare io e lui arristamu fermi e muti come a due passuluni. Tutti russi nella faccia che non ci guardavamo nemmeno e che non riuscivamo a dire una parola. Ma io lo sapevo che ci era piaciuto che lavevo sentito.
Dopo non è più successo chiù nenti e quello del cortile è stato tutto lo zitamento. Ma questo ce lavevano già cuntato vero maresciallo? Perchè se non è accussì io allora non lo capisco perchè lei vinni di mia  che io i lassai quellanno le scuole  e dopo lesami con Ciccio ci siamo persi di vista che lanno dopo iu mi maritai che avevo fatto la fuitina e cangiai macari quarteri.
Ma forse lei vuleva viriri a me figghiu u ranni. Ora ci penso!
E sì! Quannu tunnai a stari cui me figghi lanno scorso vicinu a so casa Ciccio marricanusciu subito. Neanche io feci fatica che lui era rimasto lo stesso nella facci.
Me figghiu ci ieva o spissu a so casa ma non ce lo saccio dire preciso perchè. Io ce lho chiesto che è capitato ma lui mi ha risposto solo che erano cose di travagghiu.
U sapi me figghiu macari che è disoccupato sapi fari tutto ca unni u toccunu sona. Lelettricista. U stagninu. U mastru. Io penso che ci ieva per questo. A farici le riparazioni. Ma altro non ci so dire.
Ormai è ranni il mio Nicola. Nasciu subito a prima botta che lautra invece a fimminedda vinni dopo tanti anni. No. Ora non cè. Partiu a Milano che so ziu u frati di me maritu ciavi una ditta dassupra. Macari fussi! U travagghiu ricu! Ca no pozzu viriri chiù che manu leggi.
Ora è qualche giorno che mi disse che ciarrubbanu il telefonino e non lo sento. Però sugnu tranquilla che le notizie delle disgrazie arrivano subito e poi non è sulu nel continente.
Certo. Certo! Non si preoccupi che ce lo dico. Appena ni sintemu. Certo. Che lei ci voli parrari.  

Commenti

  1. Faccio ancora tanta fatica a fruire di queste perle. Ma ogni volta un po' di meno.

    RispondiElimina

Posta un commento