Cento di questi giorni (5 di 98+2)

Senta... io già glielò detto! U canusceva accussì! Come a tanti.
Iu mi fazzu u me travagghiu che non ce ne ho tempo di perdere per le amicizie.
Cà staiu!
Aviri sta machina? Ciaia smuntari tuttu u muturi. Oggi. Si squagghiau a tistata. E' inutile pirdirici tempo per ripararla. Perciò u smuntu e poi chiuru e nesciu per vedere se trovo un motore ne sfasciacarrozzi.  U sapi picchì?  Picchi sugnu sulu a travagghiari che annunca non si mangia. Picchì il cliente e chiù morto di fami di mia e soldi non cinnavi per una machina nova. Mancu di secunna manu. Picchì ammia macari du picca mi sevvi.
Chimminnifutti ammia di Ciccio? Ci pari ca ciaiu tempo di fimmarimi a parrari con qualcuno? Con lei?
Ciccio era un cliente come a tutti e anzi ci ricu che ammia mi piaceva picchì parrava picca e si fidava. Non ne faceva storie. Che da quanto non ne furia chiù munita tutti invece cianno sempre da ridire e non ci va mai bene niente a nessuno.
Ecco chistu è tutto quello che saccio! Cuntentu? Ora ni putemu salutari? Ma scusari se non ci dò la mano ma è tutta lodda di rassu e non vulissi ca vossignoria salluddassi.
Buongiorno allora! Buongiorno!

Commenti