L’uómmene di Assunta

L’uómmene pe mé só state chiuove
cadàvere de sole sópe o fiume
circhje de fuoche p’allazzà a lune
e àrdele cume appene a guardaje

Si téne nu mualepunde criste mije
falle murì mò ca è peccenénne
accussì pregaje notte e juorne mamme
penzanne de fermà a malasorte

Oje mammarella mije, destine e cazze
ósce só na farfalla mbusumuate
na fémmene ca nun póte cambià a mute
pecché re ssuale de préte nge ha fatte

qual’amore, quala morte, nessciune
me póte aìtà, só acqua passate
rame de presche da u viende snervate
e fenute pe cunduanne a restà ‘n vite


Gli uomini per me sono stati chiodi / cadaveri di sole sopra il fiume / cerchi di fuoco per stringere la luna / e bruciarla non appena la guardavo // Se avrà una mala vita cristo mio / falla morire adesso ancor bambina / così mamma pregava giorno e notte / pensando di fermar la malasorte // O mammarella mia, destino e cazzo / oggi sono una farfalla inamidata / una donna che non può cambiar la muta / perché il sale di pietra gliela ha resa // quale amore, quale morte, nessuno / può aiutarmi, sono acqua passata / ramo di pesco dal vento snervato / e finito per condanna a stare in vita

 Assunta Finiguerra, da Solije, Zone Editrice 2003.

Fonte:   http://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2010/03/26/assunta-finiguerra/

Commenti