Focu

"Dimmela! Dimmela ancora Ciuzzu!"
"E che ti devo dire? Che domani ciò la sveglia alle tre per il mercato! E già ieri sira... sono le undici ora. Che ti devo dire anima mia?"
"Quella cosa. Quella cosa della bibbia. Dimmela Ciuzzu! Dimmela ancora"
"Ma è tardi ciatu mio!"
"E tu dimmela in fretta. Dimmela come su fussi focu che brucia. Comu pagghia sicca dimmìlla.  Dimmela Ciuzzu che poi io un regalo ti faccio"
"Tu mi vuoi morto! Iu u sacciu!"
"Macchidici Ciuzzu! Macchidici! Non sia mai questa sventura. Ecco accussì. Visto ca ti cunvicisti? Ecco. Cà. Mettiti vicino a mia e cuntammilla di nuovo questa avventura che io sulu da tia lho sentita"
"E certo non te le cuntavano le monache queste novene..."
"No Ciuzzu. No. Mai."
"Veniccà allura. Veniccà caccumenciu! Comu si bedda, fimmina mia, comu si bedda!..."

E Ciuzzu chiuri locchi che non serve vedere che lui ha ogni parola nella testa. E tutto è già iniziato e le frasi nesciunu come canto. Comu ciumi di petra infuocata nesciunu. Come paradiso macari. E notti.
E la testa furìa. Furìa. Furìa. Fino a calari.

"Ciuzzu... Ciuzzu!"

Commenti

Posta un commento