iu su putissi

iu su putissi
ti mittissi dentro
alle faule antiche,
quelle di Rolando
e del prode Paladino,
quelle dove il drago muore,
quelle che si sa il destino.

iu su putissi
massittasi ogni sira
no scuru do me mari
aspittannu
i luci del cielo chini,
l'occhi stanchi
amari.

iu su putissi
mi bastassi
tiniriti stritta
arrubbariti un sorriso
diriti ca è festa
picchì quannu ti viru
è sempri accussì,
ci sì tu na me testa.

Commenti

  1. Sì, straordinaria. E che fortuna "possedere" un dialetto! 'nnaggia

    RispondiElimina
  2. Il mio è uno strano dialetto :-) mi piacerebbe veramente avere pieno possesso della lingua siciliana. Grazie Hombre :-)

    RispondiElimina

Posta un commento