Se lavessi saputo prima


Se lavessi saputo prima quello che diventavo mavissa ammazzato di nica nica che la mia famigghia è sempri stata povera però allonore ci ha tenuto e certo non se la immaginava questa mia vita. E mancu iu che a unnici anni ancora ciavevo due iammitte sicche e lunghe e mancu minni nel petto che ero lunica della mia età che i carusi del quartiere non ci tiravano lassicutafimmini quando era periodo di festa.
Se lavessi saputo prima non ciavrei detto di sì a Don Iano che mi portò al cinema per la prima volta e in cambio io ci misi la mano in mezzo alle gambe a cercare quello che non cera. Lui fece finta che ci piaceva ma io credo che era una cosa di fantasia quella sua.
Certo se lavessi saputo prima non mi facevo trovare nel letto di Turi quel giorno che sua moglie era partita per trovare i parenti a Niscemi e io ciavevo detto che ce la tenevo io la creatura ma poi quella sera addormentata nella naca e Turi ciaveva due spalle come a San Sebastiano nella chiesa e una voce e un profumo che io mi vagnavo subito a trovarmelo davanti. Quella è stata la prima volta. Cioè la prima volta che facevo quelle cose anche se nel frattempo avevo giocato con la stiricallonga di qualche carusazzo che mera piaciuto.
Se lavessi saputo prima non me ne sarei andata da casa per lo scandalo che sempre lo avrei trovato qualcuno da maritare anche senza essere contenta ma mio padre non mi voleva chiù a casa e così me ne andai a Messina che Don Iano si ricordò di me e mi raccomandò a un suo amico che cera morta la moglie.
Se lavessi saputo prima non ci avrei fatto la serva per dieci anni al porco. Che quello se le sparò tutte con me le ultime cartucce dei suoi sessantanni e io dovevo metterci il calmante e il sonnifero nel caffè per poter uscire a cercare lamore.
Se lavessi saputo prima non sarei tornata a casa con leredità di quello che tutti ora mi salutavano come alle signore e io in cambio per farici dispetto maccattai una casa chiusa e mi misi a  fari affari comu i masculi.
Se lavessi saputo prima mavissa ammazzato nica nica però forse è megghiu di no.

Questo post partecipa all’eds lanciato dalla Donna Camèl insieme a:


Melusina
Hombre

Lillina
Orsa Bipolare
Speaker Muto
Melusina
Mai Maturo
Singlemama
La Donna Camel









Fonte immagine: Fabio D'Angelo 

Commenti

  1. Che figlia di 'ntrocchia!
    Ahahahah bellissima...solo che credo che gli altri abbiano bisogno di una parziale traduzione :)
    E poi diamine non mi sembravi tanta vecchia....
    A parte gli scherzi parlare come una donna che ha l'età di tua mamma non deve essere stato facile, anche se devo dire che al sud il tempo viaggia in modo più lento, e forse in giro per la mia calabria e la tua sicilia, qualcuna dirà e farà ancora esattamente le stesse cose.

    RispondiElimina
  2. Li porto bene :-)

    qui, mentre tu vai al mare, si continua a "ballare"... spero passi presto e magari ti raggiungo :-)

    RispondiElimina
  3. Ero così assorta nella lettura di questa tua prova d'autore che non ho sentito la scossa, e solo quando mio marito è venuto ad avvisarmi ho guardato in su e ho visto il lampadario che oscillava. Per dirti quanto mi è piaciuta la tua storia, nella sua cruda dolcezza. Una donna non avrebbe scritto di meglio.
    ps: lassicutafimmini, stiricallonga (però intuisco) e naca sono i tre vocaboli che mi sfuggono
    pps: lì tutto bene?

    RispondiElimina
  4. assicutafimmini -> piccoli e rumorosi petardi usati soprattutto dai ragazzi anche per le numerose scintille che lasciavano girando a terra ed emettendo una sorta di sibilo

    stiricallonga -> gomma da masticare

    naca -> culla

    :-)

    qui tutto bene - mi alleno solo a scappare sia a scuola che a casa :-) -

    RispondiElimina
  5. ah che BELLA ventata di sud!

    RispondiElimina
  6. non potevo trasformarmi in una padana :-)

    RispondiElimina
  7. Dice bene Melusina, bellissima prova d'Autore: grande Dario!
    E grazie di aver partecipato pure "ballando", dev'essere piuttosto inquietante, per dirla con parole minimali...

    RispondiElimina
  8. "stiricallonga -> gomma da masticare"

    Termine che non conoscevo, e vi avevo dato tutt'altra interpretazione ;^)

    RispondiElimina
  9. Complimenti Dario, un gran bel racconto. A mio parere hai usato l'ironia in modo perfetto: come non provare simpatia (e anche un po' di tenerezza) per la protagonista?

    RispondiElimina
  10. @ SP in effetti poteva essere :))

    RispondiElimina
  11. Grazie MM, era quello che cercavo :-)

    SP & lillina, chiaramente l'allusione è "erotica"... la traduzione letterale e "tiri e si allunga" :-)

    RispondiElimina

Posta un commento