[titolo provvisorio] A favula dillacqua lodda -4-

Ogni tanto però accapitava e ultimamente sempre chiù spissu che il cielo accuminciava a ghittari acqua a ciumi. Dicevano la genti che era linquinamento o qualche altra cosa che però mancu i prufissuri lo sapevano. Fatto sta che nel giro di unora nelle strade non si virevano chiù i marciapiedi e ogni tanto accapitava macari che qualcuno ci lassava i pinni come se invece che nella città si fosse trovato nel mare in tempesta.
Maggherita era lesta in quelloccasioni a trasiri tutte le piante o perlomeno a sistemarle meglio che "u supecchiu è comu u mancanti" continuava a ripetere. E se qualcuno ci dava corda subito aggiungeva che "alla fine non cè tanta differenza a moriri sutta u suli o sutta lacqua". Se accapitava di notte in genere era però Iano a fari questo travagghiu che lei era donna onorata e non se la sinteva di nesciri ca suttana. Fu una sira accussì ca ci fu il miracolo.
Cera stato per tutta la giornata un cauru strano. Unafa castutava ogni vogghia. Maggherita sera cuccata presto che aveva tenuto tutta la giornata a so stanza o scuru e sperava ora di truvarici tannicchia di friscura. Agata e Iano invece dopo cena avevano deciso di pigghiari le sdraio e di cuccarisi vicino al balcone nella speranza di un refolo di vento. Di unaria che non arrivava. Serano addumisciuti accussì che lei ci teneva stretta la mano e per strada non cera più nessuno Saranno state luna o le due di notte che già macari lautobbussi che portavano al centro avevano finito il loro servizio. Passau picca però che Agata si svegliò cu na siti peggio di un camiddu. Il frigideri era proprio dietro di lei e aprirlo fu una meraviglia che per un attimo ci vinni macari la pelle doca. Pigghiau un bicchiere dacqua e niscennu fora lappoggio sopra al davanzale. Laria era ferma ma lontano la luna illuminava qualche nuvola e il silenzio pareva chinu di spiranza. Con le mani conserte si misi a cercare lì dove doveva esserci il mare e ci passi di vederlo per un attimo ma probabilmente fu solo un riflesso oppure un bisogno.

Commenti