Mutui e coscienze

©Fabio D'Angelo

Metto un peri davanti allaltro e camminu e cerco di non cascari che la strada macari se è ritta uno può sempri arruzzuliari.
"Totò! Totò! I pigghiasti i soddi? E quantu sù? Bii. E ora comu facemu? Ma sicuru? Taliasti bonu? Marunnuzza santissima! E chi mangiamu ora?"
A vita oggi è tutta acculurata che la televisione da un pezzo non è più in bianco e nero. Ma ammia marrialanu sulu locchi de purazzi e con quelli aia fari attenzione a camminari. Sempri rittu. Sempri rittu. E chiù nenti non taliari.   
"Totò! Totò! Uccatti tu u pani? E mi raccomando cè la luci e il gassi da pavari. Totò! Totò! Ma mi senti? Ecchi hai oggi? Nisciemu chiù tardu? Ninni putissumu iri al centro commerciale. Quello nuovo ranni ranni"
Oggi misi un peri fora linea che non lo so se è stato che volevo o accapitau. Insomma quannu mi rissi che ciavevo solo unaltro giorno per la rata del mutuo che allora si pigghiavano la casa io accalai la testa e poi laspettai fora dallufficio con il cric della machina. Purazzu. Io non ci volevo fare male o diritturi. E forse mancu iddu ammia. 

Commenti