Assunta Pisacane


Uno ciavi sempre qualcosa che cerca di attaccarisi e fino a quando ce la fà non cè problema ma quannu poi non cè chiù conviene subito taliarisi attorno prima di precipitari. Su cè a vogghia certo. Su cè a volontà.
Assunta Pisacane evidentemente non cenaveva assai pinseru dattacarisi a nenti. Idda vulava leggera. E putevano essiri masculi o travagghi. Cosa ruci o biddizzi. Pinseri oppure azioni. Non aveva importanza picchì ad Assunta ci ieva tuttu bonu e di ogni cosa pigghiava divertimento e amuri. Finchè c'era. Finchè durava. 
Fu na iaddina a rovinarla. Ciarrialau so ziu Iano che era periodo di pasqua. Una iaddina viva però. Che lui non pensava di causari tutti quei guai che quella era bella in carne e faceva ova a tinchitè. 
Ma Assunta che non ciaveva il giardino non sapeva che farsene dellova e di stirarici u coddu soprattutto non teneva curaggiu. E questa cosa però la mise in crisi che lei non lo sapeva di essere accussì per certe cose e anzi fino a quel momento non se lera mai fatto questo pensiero. 
E pensaci oggi pensaci dumani Assunta accuminciau a scantarisi di tutto e non nisciu chiù e non parrau chiù e non futtiu chiù macari che a fari a monaca di clausura addivintau laria come a motti.
I vicini allinizio cercarono di andarla a trovare e macari iu tuppuliai ogni tanto arreri alla sua porta ma poi ni stancamu tutti di non avere mai risposta e a picca a picca na scurdamu quella fimmina e a sò iaddina come se non fossero mai esistite. Solo ogni tanto si sentiva un coccodè nella casa oppure un forte runfari e allora a tutti tornava la memoria. Ma sulu per una tirata di ciatu.
Poi oggi qualcosa nelle scali ciarrusbigghiau tutti. Era paradiso. Era fami fatta pinsero. Poesia. Na zaffata di iaddina fatta a broru come mai era capitato di sentire in tutta la vita del condominio. 
Di ogni cosa si distingueva u ciaru e la cipudduzza e laccia e la carota parevano aviri lanima e u pumudureddu macari e nello stesso tempo tutte queste bontà erano addivintati ammiscati alla carne una cosa nuova. Perfezione.
Quannu scinni per andare a pigghiarimi u cafè la finestra del balcone di Assunta era aperta
e nel cortile avvulavano piume  leggere.

Commenti