Nell'aria

 
©Fabio D'Angelo
Assittatu na panchina non pinsavo a nenti.
Le mani erano mise in mezzo alle cosce e le gambe stavano aperte belle comode. Laria era fresca e la giornata meravigliosa. Si sinteva proprio che era primavera.
Certo navissi potuto approfittare. Chenesò. Fare pensieri profondi. Chiedermi cose importanti. Ma chimminifutteva.
E' così bello chiuriri l'occhi e nesciri do munnu ogni tanto.
Tutto intorno sinteva vuci e profumi e desideri e nella mia testa ognuna di quelle cose addivintava un culuri e vulava nellaria e esplodeva come quando ci sù i fuochi dartificio per la santa.
Assittatu na panchina non pinsavo a nenti e u niuru aspittava a veniri.

Commenti

  1. non dovrebbe essere "vulava" nell'aria ?
    buon 25 aprile carissimo :)

    RispondiElimina
  2. In effetti suonava meglio... fatto, con altre piccole modifiche :-)

    Buon 25 anche a te :-)

    RispondiElimina
  3. Eccezionale! la semplicità che abbiamo scordato! Grandi i fratelli D'Angelo!!! :D

    RispondiElimina
  4. Allora grazie due volte Valentina :-)

    RispondiElimina

Posta un commento