Araziu. Vita errabonda di un sincero furfante (8)

Con la luce se nerano accorti subito che la strada non era lontana. E anche se cera da camminare non ci voleva assai ad arrivarici.
Sara ci stava sempre davanti. A voti si fermava e si furiava per vedere che fine aveva fatto quellaltro e quando trovava la sua faccia ci sorrideva come una picciridda impertinente.
"Iu avissa pinsatu questa cosa. Mi pari che si può fare. Che ci dovrei arrinesciri"
Lei non ci rispondeva neanche. Macari che Arazio ormai ce laveva detta cento volte quella sua decisione. Che poi ci serviva macari a lui questo ripetere. Per farisi coraggio. Per essere deciso.
Poche centinaia di metri prima di arrivare alla provinciale un grosso tubo nisceva dalla terra e nella punta cera una specie di rubinetto di quelli che servono per attaccarici la pompa per annaffiare.
Si fimmanu a fari pulizia che cene avevano proprio bisogno. Lacqua nisceva fotti do cannolu e per non bagnarsi si spugghiano a mità tutte e due che così si potevano dare una bella sciaqquariata senza problemi.
Araziu non potti fare a meno di darici unocchiata a quelle delizie che abballariavano senza controllo e Sara con la sua gonna e le minne di fora pareva precisa precisa come nei filmi vecchi della televisione che ci sono lafricani che fanno tutte le feste quando arriva tarzan.
Non si sapi cu fu caccuminciau a fare quello scherzo però dopo pochi minuti che si tiravano l'acqua uno incoddu allaltro si dovettero spugghiari tutti come ad Adamo ed Eva nel paradiso.

Commenti