Ninna nanna del capitale


Cantacronache (Michele Straniero, Fausto Amodei, Gianfranco Pisu)


Ninna nanna del capitale

Quando di notte dormiam tranquilli
da bravi figli di madre natura
non c'è miliardo di stelle che brilli
che basti a fare dormir la struttura

Quando di notte dormiamo quieti
da bravi figli del regno animale
non bastan tute le stelle e i pianeti
a fare dormire con noi il capitale

Dormon gli onesti e i manigoldi
ma non si stancano a nostra insaputa
tutti i quattrini a produrre dei soldi
e tutti i soldi a produrre valuta

Dorme la mamma coi suoi bambini
ma si rinnovano i vecchi processi
per cui i soldi producon quattrini
e il capitale matura interessi

Dorme di notte la terra stanca
dorme la fauna dei cieli e dei mari
ma non riposano i conti in banca
non hanno sonno i pacchetti azionari

Dorme il padrone e il proletario
ma silenzioso ed infaticabile
si accresce il reddito parassitario
sopra di un'area purché fabbricabile

Questo miracolo leva d'intorno
l'antica biblica maledizione
che il pane che si mangia ogni giorno
va guadagnato col nostro sudore

Su questa terra verrà creato
il paradiso miglior che sia
non sarà quello del proletariato
ma sarà quello della borghesia

Fa ninna nanna, dormi e sta zitto
continua solo a tenere nascosto
che quella quota detta profitto
qualchedun altro la paga al tuo posto

Fa ninna nanna, dormi e riposa
riposa e sogna quello che vuoi
che come mamma solerte amorosa
c'è il capitale che veglia su noi




Fonti
Foto: Lombardia Beni Culturali
Testo (e audio) su: Il Deposito

Commenti

  1. Ogni volta che ascolto queste cose mi viene su il magone, perchè mi piacerebbe cantare e suonare come facevano questi qua.
    hai anche qualcosa del Gruppo Folk Internazionale? (cioè Moni Ovadia da giovane)
    PS: bello il nuovo look.

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo e ti ringrazio perchè mi hai fatto fare un bel giro in cerca di informazioni :-) magari riuscirò anche a tirarne fuori un post... Ciao Giuliano :-)

    ps grazie :-)

    RispondiElimina

Posta un commento