La paura


A scantarici semu tutti bravi che i problemi di certo non mancano e poi macari ca chisti non ci fussiru qualcuno disposto a rialannilli nzichitanza di certo si troverebbe.

E cè cu chiuri locchi.
Cu abbia pitrati.
Cu arriri senza senso
e cu si fa abbati.
Cu cerca i so amici.
Cu preia diu.
Cu futti.
Cu allucia.
Cu " ci pensu iu".

Una vota u scantu faceva veniri i vemmi e se questi tarrivavano na testa erano guai ca unu ci puteva arristari pazzu di manicomio o moriri macari che i vemmi erano pericolosi. E allora cera bisogno di una cicaredda e di massaggi e di priari che la calavermi era brava e arrisuvveva tutto. Bastava essiri precisi. Ordinati. Che tutto ciaveva il suo tempo. Che il bene era sempre chiù forti do mali.

E cè cu talia rittu.
Cu pigghia u vastuni.
Cu mangia senza pitittu
e cu fa u crastuni.
Cu si ietta nterra.
Cu accumencia a fumari.
Cè cu si caca ncoddu.
Cu scumpari.

Io se qualche cosa mi scanta mi cuntu delle storie che mi fanno scantare ancora chiossai e poi me le ripeto che così mi sento meglio. A vote poi invece mi sforzo solo di rapiri locchi che macari può capitari che la cosa ca mi fici scantari è sulu uno specchio nabbagghiu e per questo è megghiu taliari.

E cè cu fingi festa.
Cu si ietta a mari.
Cu ammazza a famigghia.
Cu si fa arristari.
Cu fa attentati e cu si marita.
Cu sforna figghi e cu si rifà una vita.


Fonte immagine:Rosa Puglisi, Mavara

Commenti