Carmelo Barbagallo (1993-2009)


Ammia ma putevunu sucari che la prima vespa a puttai che ciavevo sei anni e darreri ci misi macari a me frati nicu ca mi sivveva pi fari pisu. Me la ricordo ancora. Una HP novanova che u Zu Maru lava pigghiatu ad Acicastello e poi però non cera piaciuto il colore e così cillava rialata a me o pa' quando laveva cercato per la pulizia. Mio padre è bravissimo in queste cose che non cè sbirru o vigili urbanu che se ne mai accorto dei lavoretti che fa lui con il telaio e dei documenti anche. Ora è a Piazza Lanza che ci devono fare il processo per una minchiata ma lavvocato dice che non ci voli assai che torna a casa e che non ci sono i termini.
Ammia ma putevunu sucari che con quella vespa iu avvulava supra a strada e non cinnera pi nuddu. Tanti trucchetti del motore li avevo imparati allofficina quando ascutavo a me o ma' e minnieva a travagghiari per portare i soddi a casa. E però quella miseria ca mi rava u principali non ciabbastava mai a quella fimmina macari che io a lei ci davo tutto quello che guadagnavo. Che così pimmia quacche lira ci nisceva sulu quannu furiava cullamici ne zoni boni che supra a vespa non mi ha pigghiatu mai nuddu.
Ammia ma putevunu sucari che quella strada a cavaddu della Via Palermo era stato un rialo del comune a quelli come a mia che ci piaciunu i cussi forti e io la conoscevo metro per metro la pista che di giri ce ne avevo fatti assai. Del resto lavevo visti tutti i lavori già di nicunicu. Prima avevano demolito le case vecchie poi alleggiu alleggiu erano arrivati i piloni e alla fine ciavunu misu i travi e lasfalto e i gaddreill macari. Non ci mancava proprio nenti a parte la fine e linizio che ancora nessuno lha capito a cosa serve quellottovolante e i soddi per saperlo finenu.
Ammia ma putevunu sucari e se non cera quella macchhia dolio iu vinceva macari sta vota invece di finiri sutta u suli do cimiteru. Però in fondo non mi dispiace che per ora qualcuno che mi veni a truvari cè ancora e viru i parenti chiossai di prima e macari Anna vinni una vota. Ciaveva la panza unchiata e tuttu u viddicu di fora. Sarà cu fù.

Fonte immagine: http://lubna.altervista.org

Commenti