Fera o luni


Non lo so se ce la facissi ora a girare alla fera o luni. Troppa confusione. Troppo caos. Eppure a pinsari di manciari bastardi comu a chisti nella foto forse mi passerebbe questa paura.
Qua unni sugnu ora cè tutta la genti che quando accatta le cose sembra che ci deve fare loperazione. Guanti di prastica e buste che appena i tocchi si spaccunu e poi a vilanza con il prezzo che sattacca nelle ita e musica e tutti a parrari alleggiu e nessun ciauru se non quello dei detersivi del pavimento comu ospitali. Manca solo la mascherina e la bombola del gas per fare iri linterventu bonu.
Io cè lho in testa le persone che vedevo. Quello che si furiava tutte le bancarelle un giorno sì e unu macari e a furia di assaggi si faceva il pranzo prima daccattari un mazzu daddauru. La signora che litigava con tutti sopra il prezzo e poi nisceva un portamonete nicunicu che fino a quando aricugghieva leuro ci vuleva na matinata e nel frattempo quello si era deciso a farici u scuntu. U spettu ca sapeva tutto e parrava cu tutti come se fossero amici sò e poi sarritirava a casa cu na busta di pira ammuffati tutto soddisfatto per laffare. A carusa sfortunata che si presentava alla chiusura con il picciriddo dappresso per fare megghiu scena.
Alla fera ogni cosa era ordinata anarchia e lattenzione era sulu nella disposizione delle cose che allora lo spazio non ciabbastava. Ora forse è lo stesso e io non la so questa cosa ma ammia mi basta che loccasione di vederla ce lho avuta e ricordare succiarinesciu.

Commenti