ricordi


Chissà chiffù. Oggi pensavo a quando mi pigghiau lamuri per Vera Alagna e addivintai geloso di Vincenzo. Mi ricordai che ciavevo anche scritto una poesia a dà fimmina. Era ancora nel cassetto delle medicine dentro a una lanna. Insieme alle fotografie della cresima. Ai confetti nellorganza. Alle muddichedde di pane. A una rosa sicca.
Pigghiai quel pezzo di carta e me lo misi in tasca per farcelo vedere a dù fissa di Amato.

Salutannu u jonnu
a voti massali
na strana amarizza
u me corpu peddi lali
e sulu marrittrovu
comu quannu vicinu a tia
cantando ricia:
Si no me cori
si na me menti
si na me vita
comu ‘nturrenti
turrenti d’amuri
turrenti infami
ca nudda cosa
intra iddu appari.

Iu cettu no sacciu
picchi non taia scuddari.
Su fussi amuri o carni
chiossai putissi fari,
ma contru sta fattura, no
non si po’ luttari.

Si no me cori
si na me menti
si na me vita
comu ‘nturrenti
jochi cu tutti
a tutti tu menti
e sulu mi lassi
no pittia non cuntu nenti.

Lui era tutto contento quando ce la mostrai. Credeva di avere trovato un complice alle sue cose e così mi voleva fare leggere le cose che scriveva. E qualche cosa me la recitò pure il mischinazzo. Così. Rapido rapido. Quasi con vergogna. Ma io non cinnaiu tempo per le minchiate. Per tutti questi svinimenti degli scrittori. Per queste cose che ti obbligano a pinsari. Accussì ci dissi solo che avevo lasciato sopra lacqua per la pasta e me ne sono andato. Poi nella scala scicai u fogghiu a fare coriandoli che il carnevale è sempre vicino.

Commenti

  1. paoesia spoetizzata, la tua, ammiscata che muddichi di pani, e menu 'mpurtanti di l'acqua ca vugghi..:-)Si, si, facemu finta ca nun ci cridemu, all'amuri, cà è megghiu..:-)
    Ciao, Dario :-)

    RispondiElimina
  2. Spinta dalla fame, la volpe cercava di prendere l'uva da un'alta vite... :-)

    Ciao Frida :-)

    RispondiElimina

Posta un commento