Storia della Sicilia in cento secondi




180 milioni di anni fa l'oceano Tetide spezza la Pangea
tra i blocchi corallini emergono Madonie Nebrodi Peloritani ed Erei
fa caldo
flora, fauna ed elefanti nani
dalle eruzioni sottomarine si forma il vulcano Etna
poi 5000 anni fa a Stentinello la prima civiltà neolitica
i sicani vengono sopraffatti dai siculi
Pantalica è la necropoli per tutti i morti
marinai fenici
ricci e pesce spada
arrivano i greci
Naxos e Siracusa
teatri scavati nella roccia o incastrati su un promontorio come a Taormina
Polifemo e le sirene
Archimede e gli specchi ustori
Scilla e Cariddi
prima guerra punica con i romani
Repubblica e Impero
grano e gladiatori, poi vandali e ostrogoti
bizantini, arabi e musulmani
tonnare, aranci e limoni
scimitarre e sceicchi
irrigazione ed architettura
ceramiche e cassata
Ruggero II e i normanni
eredità agli svevi
Federico II e la scuola poetica
Ciullo d'Alcamo e il primo parlamento
aragonesi e angioini
i Vespri quando i francesi ci fanno arrabbiare
e poi pace a Caltabellotta
gli Asburgo e Carlo V
i Borboni e il Regno delle Due Sicilie
Garibaldi che fu ferito
i piemontesi sbirri e carabinieri
il gattopardo, i pupari
unità d'Italia
terremoto di Messina
i banditi e la mafia, coppola e lupara
Giovanni Verga e Luigi Pirandello
emigrazione e guerra mondiale
fascismo
sbarco degli alleati e Lucky Luciano
il bandito Giuliano e il caffè corretto alla siciliana
Placido Rizzotto e Peppino Impastato
Tano Badalamenti e Marlon Brando che fa il padrino
Andreotti e la mafia
la scomparsa di Mauro De Mauro
lo strano caso Mattei e un certo Sindona
tanta Democrazia Cristiana e poi il Partito Socialista
pizza connection
Falcone e il maxiprocesso
i corleonesi e Totò Schillaci ai mondiali
Buscetta e Dalla Chiesa
le stragi mafiose di Capaci e via d'Amelio
i soldi di Ciancimino, Totò Cuffaro e Raffaele Lombardo
il ponte sullo stretto e i traghetti Franza
e poi tante cose che ancora devono accadere
ma alla fine l'isola verrà mangiata dal mare.

Credits:
Soggetto e animazione: Turi Scandurra
Testi: Nino Arcidiacono
Voce: Alessandro Sciglio
Musiche: Peppe Gullotta




Grazie a Francesco per la segnalazione

Commenti

  1. ..magari fosse il mare a mngiarsela!..Temo che avrà poco da mangiare, quando arriverà il suo turno..
    Ottima sintesi. Bravo l'autore! E grazie a te, Dario, per il post..
    E mi sa che per ora mi accontento di questa sintesi, visto che ieri, in libreria, alla fine non ho acquistato "Cento Sicilie", di G. Bufalino e di Zago..:-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Frida :-) credi resterà ben poco da mangiare? Io penso che il mare, almeno lui, saprà accontentarsi :-)

    RispondiElimina
  3. Hai omesso Matteo Bonello e la congiura dei baroni durante il regno di Guglielmo il Malo. Piccola, ma significativa storia di una ribellione contro i predatori del popolo di quel periodo.

    RispondiElimina
  4. @ riverinflood, benvenuto. Mi sarebbe piaciuto ma non ho alcuna parte in questo lavoro :-). Ciao, Dario.

    ps. Non farei, comunque, del Bonello un eroe della libertà :-)

    RispondiElimina
  5. Neanch'io, però è storia di un periodo oscuro, se pur piccola nei suoi limiti.

    RispondiElimina

Posta un commento