Venere


dalle labbra
mi muovo
a sognare i tuoi volti
i risvolti
le fragranti distanze
sibaritiche danze
confuse
alla mente
all'ampolla alla pioggia alla roggia che smuove
pungente
una greca collina
che bacio


22 Marzo 2000


Fonte immagine : Alex Kanevsky

Commenti

  1. sembra fatta d'un fiato,
    giovane, umida, tesa,
    tutta nella tua mente...

    RispondiElimina
  2. Sì, credo fosse questa l'intenzione

    RispondiElimina

Posta un commento