Incontinenza

Ieri matina pensavo a quanto tempo ci voli per moriri se uno decide di farlo. Ma no che uno fa spettacolo tipo nficcarisi un coltello nella panza o spararisi un colpo di pistola nel cervello. No.
Io volevo dire che uno decide con la sua testa di moriri e mori. Accussì senza fare troppi filmi. Senza clamore.
Quando è arrivata la sera ciò voluto tentare. Mi sono messo nel letto ritturittu e ho accuminciato a ripetere ai miei piedi:
"Ora siete motti. Ora siete motti".
Riuscivo a farlo con una specie di cantilena che alla televisione avevo visto che facevano accussì anche nellindia dove ci stanno quelli con i letti chini di chiova.
Mi passi quasi che ce la potevo fare e accussì ci rissi la stessa cosa alle cosce alla minchia alla panza al petto alle braccia e alla faccia anche.
Per ultimo al cuore. Pecchè prima volevo che sabituava tutto il corpo a stare mottumottu.
Ci tentai un paio di volte a fare questesperimento però non ciarrinisciva a completarlo e allora mi addormentai.
Nel sogno che feci cera una piazzetta china di munnizza e con una fontana abbandonata di quelle buone solo a spenderci i soddi per linaugurazione con il sindaco e la banda. Io stavo fermo immobile vicino a una panchina sopra a un blocco di marciapiede sautatu. Non so quanto tempo passau. Mi passi tantissimo ma non cera nuddu e non si sinteva nessun rumore. Poi all'improvviso visti un picciriddu. Si avvivinò ammia e cominciò a ridere e a gridare.
"Taliàti.Taliàti.Cè una statua ca piscia". Diceva. E rideva.
E sempre più forte ripeteva:
"Taliàti.Taliàti.Cè una statua ca piscia".
Dai balconi si affacciò tutta la popolazione e anche loro ripetevano la stessa cosa. E anche loro ridevano.
Io mentre dormivo che ero nel mio sogno cercavo di continuare a stare fermo ma non ciarriniscevo.
Pisciavo. E piangevo.

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. non ho capito?
    "pisciavo e piangevo"
    perchè non pisciavo e ridevo,
    dalla malriuscita morte?

    RispondiElimina
  3. Ciao Hanna, forse perché il dolore trova le sue strade per sorprenderci? Non so... :-)

    RispondiElimina

Posta un commento