Primavera


Sarà questo caldo. Sarà la primavera. Oppure che alla signora Amalia macari di matina ci piaci u pisci. Però quando mi sono affacciato alla finestra che erano forse le sei non arriniscii più a staccare gli occhi dalla sua cucina.
Lei era piegata sul tavolo che pareva che se lo voleva abbracciare tutto ma suo marito arreri a idda non la stava affatto aiutando a sparecchiare o a fare le pulizie.
Mah! In effetti in quel momento quel mischino ciaveva altri pensieri nella testa e Amalia del resto lo lasciava travagghiari tutta felici.
Ogni tanto lei si alzava sulle braccia. Vedevo allora le sue minne che ballariavano dentro la camicia di notte e la sua faccia che faceva mille smorfie.
Poi mi passi come se stava impazzendo. Si muveva come una ca pigghia la scossa. Come qualcuno che cerca laria con la bocca prima di affogare.
Solo in quel momento pinsai che forse anche loro potevano vedermi .
Rientrai in casa e me ne andai in bagno a canciarimi le mutande.

Fonte immagine: http://lubna.altervista.org

Commenti

  1. Ciao... passando per caso... mi sono fermata... mi piace qui!
    scusa l'intrusione
    un saluto
    Claudia

    RispondiElimina
  2. Oh My Lordy!!!
    ma quella è migliore pecorina dell'Isola!
    Anche a Te tocca la primavera,
    eh Dario?!
    ...com'è che le cose piuttosto piccanti scritte in dialetto perdono la loro indecenza presagendo qualcosa di sublime, venerabile..

    RispondiElimina
  3. eppoi scusa, ma loro volevano che lui li guardasse, perchè s'è ritirato nel bagno?

    RispondiElimina
  4. ..mi piace questo hard-etneo..primaverile! :-)..fresco e genuino
    ..e poi ..concordo con Hanna..in dialetto perde l'indecenza..e diventa arte sublime..
    Ciao, Dario e auguri di buona pasqua!
    Frida

    RispondiElimina
  5. Caro Dario, ti ringrazio per gli auguri per il compleanno di "Abbracci e pop corn", ma ti ringrazio soprattutto perché so che segui con assiduità quello che stiamo facendo.
    Se ti viene voglia di scrivere la tua esperienza con qualche film in cui ti riconosci, mandamela attraverso lo scrivimi del nostro blog, che ne parliamo. Ma mi raccomando: niente parolacce in catanese! Le accetto solo in dialetto parmigiano, visto che a Parma ho vissuto ventisei anni...

    ancora grazie e saludos
    Solimano

    RispondiElimina
  6. Claudia, nessuna intrusione :-) felice che questo luogo ti piaccia.

    Hanna, mi hai un po' trascurato ultimamente :-P sì, la primavera è strana stagione :-)

    Frida, auguri anche a te :-) completo qui la risposta ad Hanna... credo che lui abbia avuto la possibilità di "contemplare" il momento più alto, perchè proseguire?

    Solimano, grazie per la proposta ma mi piace molto di più leggervi :-) e poi, prima di tentare con il nuovo dialetto, credo mi tocchi studiare meglio la famosa erre dei locali :-)

    RispondiElimina

Posta un commento