Il ballo delle streghe (Ingorda)

Ride. Come fosse mattina di nebbia sul bus, girandola nitrica. Ride. Mi narra di un furto, e di truffe allo stato. Il suo corpo sfiora il bisogno, il rancore. Non ho occhi per riuscire a guardarla, non ho mani. Stringo i pensieri sull'acciottolato delle labbra. Sulla lingua indiscreta. Con forza. Un ultimo slancio, dunque. A liberarmi da questo secreto. Da lei, tugurio e prigione. Halloween. Halloween s'avvicina, le dico. Già mi vesto.

Commenti

  1. a tracciare il tuo profilo dalle parole e versi che scrivi!!!
    fortunati noi ancora!

    RispondiElimina
  2. Fortunato io ad averti costante lettrice :-)

    RispondiElimina

Posta un commento