assenze


Su mille riflessi di vetro
si frange il tuo corpo
a sfumare,
come ricordo cumano,
come enigma d'estate.

"Sarà questo tempo" ripeti.

Lo stesso che spinge a cercare
quel nulla che l'onda riporta alla riva.

"Ho freddo" ti dico
"è ora d'andare"

17 Agosto 2001


Fonte immagine: http://www.kullaway.com

Commenti

  1. Trovo molto bella questa poesia ed il tuo blog... Giulia

    RispondiElimina
  2. Grazie Giulia e benvenuta :-)
    Dario

    RispondiElimina

Posta un commento