Aci (a G.L.)



Terra,
pi cummigghiari u focu,
e acqua,
parrusbigghiari i sensi.
Aria, poi,
comu stu ventu ca porta ciauru di meli,
di tia,
di sta notti lucenti,
di sta luna sbirra
ca spogghia, gilusa,
ti talia.

10 Aprile 2001

Commenti

  1. Bellissima poesia e bellissima foto anche se qualche parola non l'ho compresa ... (cummigghiari, sbirra spogghia).

    RispondiElimina
  2. Grazie non-blog ;-) e grazie Giulia :-)
    Gianluca, cummigghiari sta per coprire e spogghia per spoglia, nuda, sbirra, invece, sta per... sbirra :-)

    RispondiElimina
  3. Dasada!
    la foto è kitch!
    e la poesia la puoi tradurre accanto in italiano vero?!
    xo xo

    RispondiElimina
  4. Uffi Hanna :-) sulla foto, un po', hai ragione ma rende bene quello che cercavo... ecco la traduzione:

    Terra,
    per coprire il fuoco,
    e acqua,
    per destare i sensi.
    Aria, poi,
    come questo vento che porta profumi di miele,
    di te,
    di questa notte lucente,
    di questa luna sbirra,
    che nuda, gelosa,
    ti guarda.

    RispondiElimina
  5. bene!
    grazie!
    "furono dati alle cose i nomi e i suoni perchè l'uomo si consoli"

    RispondiElimina

Posta un commento