Il canarino di Totò


Mi ero susuto dal letto quando visti un moscone che volava nella stanza.
Io non ci credo a queste cose ma mia nonna mi riceva sempre che quando trasono i mosconi nelle case ci sono notizie in arrivo. Giustogiusto quel giorno mero scordato di addumare lo scaldabagno e l'acqua fridda nella facci mi fece passari tutti questi pensieri.
La casa era vuota. Come sempre.
Mi misi le mutande e mi preparai una bella tazza di caffè poi mi assittai vicino alla finestra per taliare la signora Amalia che ogni matina quando il tempo era buono mi faceva viriri i minni mentre faceva le pulizie di casa e mi fumai una bella sigaretta.
Tutto era tranquillo e non si sentiva niente.
Nella iaggia lacidduzzu taliava il tetto e se ne stava muto a panza all'aria.


Fonte immagine: http://lubna.altervista.org

Commenti