Golem

Appena uno ci tenta succeri sempre qualcosa. Accussì però si può sempre cangiare idea e addumisciri la morte.


Dammi tri cosi
no me piattu
dammi tri cauci
arriva u iattu
dammi tri aranci
dammi tri luni
dammi la morti
cu nu vasuni


Che poi se le cose ti riescono non ciai chiù gusto e arrimini, arrimini, fino a dommiri e poi sugnari, o forse fino a sugnari pippoi dommiri.


Visti na guantera
chinachina
a visti no varveri
astamatina
mi pigghai ncannolo
e mu calai
lassai sulu a scoccia
e mascapputtai


Quannu cè a fami tutto è chiù semplice e u niuru e niuro e u ianco ianco, e su non ci su te li inventi, ca ci basta na cannila e na mano, e un muru macari loddo, ma in chianu.

Commenti

  1. ...to sleep, perchance to dream...
    Mi manca solo un termine inglese (elisabettiano!!)per "mascapputtai".
    Un giorno di questi ti mando il mio, di Golem: ma solo in privato!
    PS: in questi giorni ho avuto parecchi problemi a collegarmi cuttia, come qualche giorno fa. Santa pazienza!! Mo' vedo se mi pigghia il commento.

    RispondiElimina
  2. E' passato qualche giorno, ma leggerei volentieri :-)

    RispondiElimina

Posta un commento