Genova 1 - lapilli -

-Signora Azzara! Signora Azzara! Noviri che ciò la biancheria stesa? Picchì non la ietta nella munnizza sta terra?
-Macchivvoli? Noviri ca è letna? Taliassi le macchine
-Biii. Vero. Aveva assai! Macchiffà sta scinnennu a lava? Stamatina al telegiornale parravano solo di du carusu ca mossi a Genova. U visti?
-Sì! Sì! Sa ciccau povero figghiu. Ma cu cinni capisci cosa. Distruggenu na città. Però hanno detto anche che ora si sta fermando
-Ma cui a lava? U sapi ca ci iu macari Vincenzo?
-Cui!?! Vincenzo? Ma non sta travagghiando a Padova? Chiccifà alletna ?
-No. No. Sinniu a Genova Mu rissi soomà aieri
-Cetto! Sinnivanno al nord e si strammano la testa. Chiccì iu a fare in mezzo a du buddellu? Macchiffà signora non li entra i robbi?
-Cetto cetto. Prima che arriva laltra terra. Ieri dicevano che lo volevano fermare. La vista la strada distrutta? Chi pensa? Ciarrinesciunu?
-Ma quali. Non si ferma u munnu. Non lo sanno ca semu nelle mani do signuruzzu?
-Cui Bellusconi?
-No. Parravo del vulcano. Di sta pioggia niura
-Ah. Vabbè va. Ma scusari se lò disturbata
-Nenti nenti. Buongiorno!
-Buongiorno!

Commenti

  1. belli, belli tutti, ci sto svoltando la serata coi tuoi condomini. Capace pure che me li salvo e mi ci faccio un librettino:-)).

    RispondiElimina
  2. Ti rispondo qui... ma non posso che dirti grazie! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento