[Pubblico e Privato ] Chennedi



22 Novembre 1963.

Io sono nato che dallaltro lato del mondo erano tutti attaccati alla radio e non lo sapevano quello che mi stava succedendo.
Insomma sì. Forse non ciavevo la stessa importanza di du mischinazzu nella storia, però... qualcosa, chissacciu... una ripresa, una foto nel giornale, un articoletto tutto pimmia, penso che me la meritavo anchio. Insomma unu chi nasci a fari una vota sula?
Mia madre era abbiata nel letto che spingeva, mentre le sorelle attorno, e le vicine, ci facevano conforto e compagnia.
"Ma è tuttu niuru!"
"Che beddu! Che beddu!"
"Ma non ti pari tannicchia storta sta testa?"
"Talia, talia... è tutto suo padre"
Io non ciò fatto problemi a nesciri, e dopo il primo chianto mabbiai subito a mangiare. Non lavevo mai assaggiato qualcosa di così buono, e anche se ancora non ce lo sapevo dire penso che mi feci capire bene fino a quando non mi inchii la panza.
Poi ci furono i primi anni, ma quelli sono uguali per tutti dalle nostre parti.
Unu mangia, dorme, ioca e caca. E quasi sempre queste quattro cose avvengono senza un ordine preciso. Come ammatti ammatti. Una cosa però ve la voglio dire anche se forse la sapete già: tutto sembra velocissimo in quei giorni.
Come se il tempo non ciavesse passato e mancu futuro.
Come se tutto insomma fussi solo per quel momento.
Oggi mi capita di stare accussì solo quando mabbiu davanti alla televisione. Ma questo è un altro discorso. Poi domani se cè tempo ne parliamo.


Fonte immagine: http://www.whatreallyhappened.com/RANCHO/POLITICS/JFK

Commenti

  1. ciao!
    curioso modo di scrivere,
    mi piace,sai quell'idea di "ruminare la mente"?
    ho visto che ti fermi nel mio blog,forse hai capito qualcosa?-
    hanna

    RispondiElimina
  2. :-) E' un dialetto "inventato", un siciliano imbarbarito dall'italiano televisivo e scritto così come si ascolta.

    Ciao, Dario.

    ps Mi incuriosiscono le tue produzioni :-)

    RispondiElimina
  3. e lasciami un commento!!!!!!!!!!
    non andartene a ritroso

    RispondiElimina

Posta un commento