[movimenti geometrici] Il cubo

Ogni tanto la sento. La tua mano m'afferra e mi lancia
lontano. Un sei, quasi sempre, è di spezie e conchiglie.
Ha frequenze un po' basse rapportate a quell'uno eterno
vincente. Le altre facce son vita di sempre. Tra nonne
e bambini, è un tre che sorride. S'accapiglia, giocando,
con un quattro minore. Rimane un cinque. Invano lo cerchi.
Perché ricordarti che il dado è truccato se tu non lo senti?

Aprile 2000

Commenti

  1. It's so nice for me to have found this blog of yours, it's so interesting. I sure hope and wish that you take courage enough to pay me a visit in my PALAVROSSAVRVS REX!, and plus get some surprise. My blog is also so cool! Off course be free to comment as you wish.

    RispondiElimina
  2. Grazie joshua :-) proverò a leggere il tuo blog :-)

    Ciao, Dario.

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto di più questo blog! adesso cambio il link

    RispondiElimina
  4. Ok mia bella camél :-) allora continuerò ad utilizzarlo

    RispondiElimina

Posta un commento